Notice: wpdb::prepare was called incorrectly. The query does not contain the correct number of placeholders (2) for the number of arguments passed (3). Please see Debugging in WordPress for more information. (This message was added in version 4.8.3.) in /web/htdocs/www.tecnoali.com/home/website-2016/wp-includes/functions.php on line 4201
GIOTTO - Tecnoalimenti
en / it
Progetti

Share: Email / Twitter / LinkedIn

GIOTTO

L’Economia Circolare per la competitività delle filiere del Made in Italy

Diversi paesi in ambito UE ed extra-UE hanno avviato progetti industriali volti a cercare di identificare nell’economia circolare nuove opportunità di rilancio delle imprese; si riscontra però che i dibattiti sull’economia circolare ad oggi riguardano tavoli dove solo le grandi imprese hanno la forza di portare avanti proprie iniziative ed azioni.
Considerando che il sistema industriale italiano, e in particolare le filiere legno-mobile, moda e agroalimentare, è quasi totalmente caratterizzato da micro, piccole e medie imprese, il progetto GIOTTO vuole ideare e sviluppare strumenti attuativi che possano consentire alla PMI del Made in Italy di conoscere ed intraprendere azioni di economia circolare che non gravino economicamente sui propri bilanci, ma che attraverso opportuni strumenti sappiano aumentare la propria competitività.

Lo scopo è quello di orientare le aziende e i loro processi produttivi verso un innovativo approccio indirizzato a ridurre l’impatto ambientale dei prodotti nell’arco dell’intero ciclo di vita, dall’estrazione delle materie prime alla produzione, distribuzione, uso fino alla gestione dei rifiuti, misurando la circolarità dei prodotti. Tale processo è più facilmente attuabile se si garantisce alle aziende un vantaggio competitivo sul mercato (con conseguenti ripercussioni positive in termini di fatturato ed occupazione) che dia evidenza degli sforzi e delle azioni compiute per diminuire l’impatto sull’ambiente.

La criticità principale da superare è quella di riuscire a garantire che i nuovi strumenti siano realmente trasferibili a sostegno del tessuto industriale operante nel Paese caratterizzato da attività riconducibili a piccole e medie imprese anche ad un livello artigianale.
Soprattutto per il settore agroalimentare la principale difficoltà sarà quella di individuare le ottimali strategie di recupero dei prodotti di scarto che per loro natura sono estremamente diversificati sotto il profilo della composizione, in molti casi presentano periodicità stagionali e sono spesso altamente deperibili in un breve lasso di tempo.

 

Durata
Dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2020

 

Partner
• Città Studi S.p.A.
• Cluster Arredo e Sistema Casa S.r.l. Consortile
• Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia del Materiali (INSTM)
• COSMOB S.p.A.
• Distretto Interni e Design D.I.D.
• Fiam Italia S.r.l.
• OTIR2020, Tuscany Fashion Cluster – NextTechnology Tecnotessile S.r.l.
• Pecci Filati S.p.A.
• Politecnico di Milano
• Tecnoalimenti S.C.p.A.
• Università degli Studi di Camerino

 

Contatti
cinzia.rebosio@tecnoalimenti.com